Scorri la pagina

Christine

Ho subito la MGF dopo il parto. Avevo solo dieci anni.

Christine aveva solo 10 anni quando è rimasta incinta. Era stata messa incinta da un ragazzo di 17 anni nel suo villaggio e ha dato alla luce una figlia, di nome Irene. Nonostante promettesse di sposarla, il ragazzo l’ha abbandonata. Un anno dopo un uomo sulla cinquantina ha chiesto la mano di Christine. I suoi genitori erano d'accordo, anche se non era quello che Christine voleva.

Oggi Christine è la terza moglie di un uomo che ha figli della sua stessa età. Christine ha dovuto subire la mutilazione dei genitali dopo aver dato alla luce Irene, perché gli abitanti del villaggio la ridicolizzavano per non essere "circoncisa" e non le permettevano di mungere le mucche e di nutrire sua figlia, a meno che non si facesse circoncidere.

"È stato doloroso", ha detto Christine, che oggi ha 17 anni. Ha iniziato a sanguinare pesantemente e le donne della comunità le hanno fatto bere sangue di capra per salvarle la vita. Non l'hanno portata in una clinica per paura di essere arrestate: le MGF sono illegali in Kenya.

"Non penso più che le mutilazioni dei genitali siano una buona cosa perché hanno distrutto molte donne e ne hanno anche ucciso alcune", ha detto Christine. Quasi tutte le ragazze del villaggio di Christine sono state o dovranno essere circoncise, ma Christine vuole proteggere sua figlia, Irene. I suoi piani potrebbero essere sabotati da suo marito che si è rifiutato di mandare Irene a scuola: "So che le mutilazioni sono una pessima pratica, ma anche se provo a impedirlo per mia figlia non sarà sufficiente", ha detto Christine. "Quando sarà grande, mio ​​marito mi dirà che dovrebbe essere come le altre ragazze."

Christine è convinta che se Irene potesse andare a studiare in un collegio sarebbe meno a rischio, perché ci sarebbe una minore pressione da parte delle sue coetanee.

"Sa che più aumentano i divieti per Irene di andare a scuola, più rimane nel villaggio e più è probabile che farà quello che fanno le sue amiche", ha detto Christine. Ha aggiunto che suo marito "non è convinto" che otterrà una buona dote per Irene se non sarà circoncisa.

Christine_Story_750_Irene

Christine afferma che i seminari di sensibilizzazione di ActionAid hanno avuto un forte impatto. Ad esempio, suo marito è diventato meno violento nei suoi confronti quando lei esprime la sua opposizione alle pratiche di mutilazione per le ragazze e soprattutto nei confronti di Irene. Ma ha aggiunto che c'è ancora molto da fare per convincere molti uomini e persino alcune ragazze ad abbandonare questa pratica dannosa.

"Anche se io incoraggio mia figlia a non essere circoncisa, lei subisce comunque una pressione da parte delle suoe coetanei, che a volte scappano per essere circoncise in un'altro villaggio” ha detto Christine."Questa è una grande sfida quando sei da sola a combattere. "

Mostriamo a Christine che non è sola!

In occasione della Giornata internazionale della donna, unisciti alla lotta contro ogni forma di violenza sulle ragazze e le donne.