Il mio viaggio in Giordania

 

Ho visitato i progetti di ActionAid Arab Region dedicati alle donne e ai giovani rifugiati.

 

Gisella Reina, Philanthropy and Partnership Director di ActionAid Switzerland, ha recentemente visitato la Giordania per conoscere meglio il lavoro di ActionAid nella regione arabo-levantina:

“Di recente, ho visitato la ActionAid Arab Region. Questo ufficio di ActionAid sviluppa principalmente progetti in Libano e Giordania. Sono sempre stata molto interessata da questa regione: come studentessa per la sua storia affascinante, come viaggiatrice per le persone meravigliose e ospitali, il bellissimo paesaggio e il cibo delizioso. Ma questi paesi hanno anche dovuto affrontare le conseguenze della guerra civile, e i civili ne continuano a pagare un prezzo molto alto.

Prima della partenza, ero già al corrente del fatto che entrambi i paesi ospitino da decenni rifugiati dai paesi vicini e che, negli ultimi 10 anni, ci sia stato un aumento senza precedenti di arrivi di rifugiati, soprattutto a causa della guerra in Siria. Ma sono rimasta scioccata dal sapere che la Giordania e il Libano ospitano, su scala globale, il maggior numero di rifugiati in proporzione alla loro popolazione, con circa 130 e 164 rifugiati ogni 1000 abitanti: ciò significa circa 10 volte di più rispetto alla Svizzera, dove questa media è 14.

Campo_Zerqa_750

In Giordania, l'80% dei 1.300.000 rifugiati siriani vive in città, paesi e aree rurali, come Mafraq, Zarqa e Irbid, e la maggior parte vive al di sotto della soglia di povertà. Camminando per le strade di Amman, sono rimasta colpita dai molti bambini e dalle loro famiglie che vivono visibilmente nella miseria, chiedendo l'elemosina per strada.

Aroub e Khawlah, i miei colleghi di ActionAid Arab Region, mi hanno spiegato che, a causa del loro dislocamento prolungato, le risorse dei rifugiati sono esaurite da tempo e i tassi di disoccupazione molto elevati, in particolare per i giovani e le donne. L'istruzione, la sanità e altre infrastrutture sono state prosciugate, sia per i rifugiati che per le comunità che li hanno accolti, per le quali la disoccupazione e la concorrenza per lavori scarsamente qualificati erano già una sfida prima della crisi siriana.

Parlando con Moath, Ala, Samar e Joud del team umanitario di ActionAid ad Amman, ho avuto la possibilità di conoscere di più sul lavoro che ActionAid Arab Region fa con i rifugiati e le comunità di accoglienza al di fuori dei campi. Entrambe le comunità sono in stato di povertà ed hanno bisogno di aiuto: il team cerca soluzioni a vantaggio di entrambe le comunità per alleviare le tensioni tra i due.

Giordania_750

La priorità di ActionAid è aiutare donne e ragazze, aumentando la loro protezione, sicurezza e benessere. Le pratiche culturali, la povertà e le prospettive molto limitate di una vita migliore purtroppo colpiscono più duramente le donne: le donne in Giordania e in Libano spesso ci dicono di dover affrontare stress, violenza domestica e di strada, molestie e altre violazioni dei loro diritti umani. Le ragazze vengono sposate in età sempre più giovane per cercare di alleviare i costi familiari.

I nostri programmi mirano a ripristinare la loro speranza e sicurezza di sé, dotando le donne e le ragazze degli strumenti adatti a sentirsi sicure, formando gruppi di donne che sviluppano iniziative di protezione, compresa la creazione di luoghi sicuri, oltre a fornire supporto psicosociale alle persone sopravvissute alla violenza di genere. Con le donne e i giovani, i nostri programmi incoraggiano atteggiamenti positivi nei confronti delle donne e il cambiamento di atteggiamenti nei confronti delle tradizioni che accettano e perpetuano la violenza di genere. Sviluppiamo iniziative che incoraggiano l'autosufficienza in modo che le vittime possano diventare protagoniste nel plasmare il loro futuro e aprire i loro orizzonti.

I miei colleghi hanno anche parlato del programma in cui interagiamo con i giovani locali: "li incoraggiamo a diventare più consapevoli del loro ruolo di cittadini attivi, assumendosi responsabilità ed esigendo responsabilità dai loro rappresentanti". Le opportunità di lavoro sono limitate: pertanto ActionAid Arab Region incoraggia iniziative per avviare piccole imprese e sviluppare competenze per aumentare l'occupabilità.

Spero che, anche con l'aiuto di persone e fondazioni svizzere, possiamo essere d'aiuto.

Certo, ora che la pandemia minaccia la vita di così tante persone, finanziare questo lavoro è più difficile che mai.

Ma le persone hanno bisogno del nostro sostegno: le loro infrastrutture sanitarie sono molto più fragili e fanno molto più affidamento sull’aiuto locale basato sulla comunità, che le aiutiamo a costruire e sostenere. Sappiamo anche che donne e bambini sono molto più in pericolo di essere vittime di violenza domestica in situazioni di confinamento: questa è un'area che il nostro lavoro continuerà a supportare”.