Scorri la pagina

In India è emergenza Covid

Le lavoratrici più vulnerabili sono le più esposte al virus.

Le donne, le ragazze e le persone più emarginate sono più a rischio di infezione e violenza.

Mentre l'India combatte una seconda ondata devastante di Covid-19, i lavoratori in prima linea e le lavoratrici domestiche vengono lasciati senza accesso a dispositivi di protezione ed esposti all’infezione.

Come ActionAid stiamo fornendo il supporto tanto necessario ai lavoratori e alle comunità vulnerabili, inclusi kit di sicurezza e igiene e aiuti alimentari a migliaia di lavoratori informali, che sono in prima linea nella crisi Covid.

Centraline telefoniche gestite da ActionAid India a Delhi, Haryana, Himachal Pradesh, Punjab e Uttar Pradesh, stanno fornendo informazioni aggiornate sulla disponibilità di letti ospedalieri, bombole di ossigeno e vaccini contro il Covid-19.

Sandeep Chachra, Direttore esecutivo di ActionAid India, afferma:

"Questa devastante seconda ondata di infezioni da Covid-19 sta lasciando i lavoratori informali e migranti più vulnerabili che mai. Abbiamo persone che lavorano tutto il giorno per seppellire i morti e donne che lavorano nelle case delle persone per prendersi cura dei malati e dei morenti, con poca protezione o sostegno.

I vaccini contro il Covid devono essere messi a disposizione di tutti, gratuitamente. Dobbiamo anche supportare i nostri lavoratori e le nostre comunità con dispositivi di protezione, tamponi e informazioni sulla salute pubblica per aiutare a prevenire la diffusione del virus e proteggere i più emarginati ".

Covid_India_750

Le donne, le ragazze e i più emarginati sono i più colpiti dalla seconda ondata. Stiamo assistendo a un ulteriore aumento della vulnerabilità delle persone più emarginate poiché le restrizioni ai movimenti, le condizioni di vita anguste, lo stress sul lavoro e il virus stanno mettendo a rischio le donne e le ragazze e tutti coloro che svolgono un lavoro informale.

Sion Kongari, responsabile regionale dei programmi di ActionAid India in Rajasthan e Gujarat, afferma:

"Le donne e le ragazze non si erano riprese dall'impatto della prima ondata della pandemia quando sono state colpite da questa seconda ondata in rapida escalation. Dall'inizio della pandemia, abbiamo assistito all'aumento della violenza contro donne e ragazze, all'aumento dei matrimoni precoci e dello sfruttamento sessuale. La maggior parte dei lavoratori informali, dei lavoratori domestici e dei venditori ambulanti, e delle donne non possono lavorare a causa delle restrizioni e sono a maggior rischio di infezione ".

Kongari e il suo team hanno lavorato per abbattere lo stigma che circonda i vaccini e condividono informazioni vitali sui servizi medici con le comunità vulnerabili. Aggiunge: “Questa volta il bisogno di assistenza medica si fa sentire in modo molto più pronunciato. Dobbiamo sviluppare rapidamente un supporto medico comunitario e sostenere la nostra rete di centri sanitari primari per garantire che tutte le comunità ricevano l'assistenza medica necessaria ".

Come ActionAid lavoriamo in India a fianco delle comunità con partner locali dal 1972.

Aiutaci ora a rispondere alla crisi correlata a Covid

 



Crediti fotografici: ActionAid India

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da ActionAid International, “India Covid crisis: Vulnerable frontline workers hit hard by virus”, 27/04/2021