Scorri la pagina

ActionAid in prima linea nella battaglia contro l’estremismo in Nigeria

Un passo avanti nel contrastare le cause della radicalizzazione di giovani e adulti.

ActionAid Nigeria

In occasione di una tavola rotonda svoltasi a settembre a Lokoja, Anicetus Atakpu, Residence Programme Coordinator di ActionAid Nigeria, ha annunciato l'istituzione di un nuovo partenariato con la Commissione per lo sviluppo della gioventù di Koji. Il progetto SARVE (System and Structure Strengthening Against Radicalisation to Violent Extremism), che è stato implementato tra il 2016 e il 2018, ha dato ottimi risultati. Per questo motivo, ActionAid ha deciso di continuare la sua azione per contrastare la radicalizzazione violenta.

Nigeria_news_750

Il nostro sforzo

SARVE 2 inizierà le sue attività a marzo 2020: il programma di due anni si rivolgerà a 9.200 giovani, 10.200 donne e 22.500 membri di 5 comunità (Ofuloko, Okpakpata, Osara, Aku / Osaragada e Fulani) e due aree del governo locale (Adavi & Igalamela/Odolu).

Contrariamente all'opinione diffusa che associa l'estremismo violento alle differenze religiose e tribali, molti dei conflitti violenti in Nigeria sono innescati da fattori economici, sociali e politici: recentemente, queste incidenze di conflitti sono diventate più complesse con l'aumento dell'estremismo violento. Per affrontare questi problemi, ActionAid Nigeria coinvolgerà presto 750 giovani ogni anno in tutto lo stato per acquisire competenze per affrontare le cause dell'estremismo violento. Il progetto mira a supportare le comunità nel costruire resilienza e addestrarle a utilizzare le risorse disponibili per prevenire la radicalizzazione.

Scopri come il progetto SARVE di ActionAid ha contrastato la radicalizzazione violenta in Nigeria negli ultimi tre anni.