Scorri la pagina

Aggiornamenti dall’Indonesia

La situazione un mese dopo il terremoto.

La situazione

È passato oltre un mese dal terribile terremoto e dal conseguente tsunami che hanno colpito l’isola indonesiana di Sulawesi. Secondi gli ultimi dati, hanno perso la vita 2'077 persone, 4’438 persone sono state severamente ferite, 680 risultano ancora disperse, 205'870 sono sfollate e 68'451 case sono state danneggiate nelle aree di Palu, Donggala, Sigi e Parigi Moutong. Molteplici scosse di assestamento (circa 720), frane e liquefazioni del suolo hanno esacerbato le già difficili condizioni. Delle 1,4 milioni di persone colpite, più di 350'000 sono donne in età riproduttiva che sono a forte rischio di violenza sessuale e di violenza di genere.

Emergenza_Indonesia_UpdateCH_750

L’intervento di Yappika-ActionAid in Indonesia

Durante le prime due settimane successive al terremoto, Yappika-ActionAid si è unita ad una coalizione di organizzazioni della società civile: la coalizione ha mobilitato rapidamente volontari locali, portando materiali di primo soccorso quali tende, acqua, cibo, lenzuola, biancheria, kit igienico-sanitari. Sono state aperte e gestite delle cucine di emergenza che hanno servito pasti caldi agli sfollati e i volontari hanno anche partecipato alle attività di ricerca e soccorso. Grazie alla risposta messa in atto dalla coalizione, in queste prime settimane sono state supportate 60'821 persone.

Nei prossimi sei mesi, Yappika-ActionAid lavorerà con altri partner locali nei seguenti ambiti:

  • Fornitura di alimenti e beni non alimentari;
  • Supporto psico-sociale alle persone colpite;
  • Supporto alle famiglie nella ricostruzione di ripari temporanei o riparazione della propria abitazione;
  • Protezione e sicurezza delle donne e delle bambine che vivono nei campi di sfollati;
  • Supporto alle famiglie nella riabilitazione di fonti d’acqua potabile, ad esempio la pulizia dei pozzi o la loro riparazione;
  • Supporto alle attività di ripristino dei mezzi di sussistenza attraverso la valutazione dei bisogni delle famiglie, ad esempio la costruzione di pozzi per agricoltori, barche e reti per la pesca, ecc.
  • Attività di policy e advocacy a favore delle comunità colpite, relativamente alle certificazioni di proprietà dei terreni, alle problematiche legate alla perdita di documenti, alla messa a disposizione di alloggi sicuri in caso di disastri.

È grazie alle donazioni dei nostri sostenitori in Svizzera e nel mondo che queste attività di primo soccorso sono state possibili e che ActionAid potrà continuare a supportare e accompagnare la popolazione dell’isola di Sulawesi nella ricostruzione e nel post-emergenza.

 

Anche tu puoi aiutarci! Fai una donazione tramite:

Banca Stato: CH30 0076 4627 7427 C000 C
PostFinance: CH54 0900 0000 6525 5503 4
con la causale “Terremoto Indonesia”;

o chiamando il numero +41.91/922.65.42

Emergenza_Indonesia_UpdateCH2_750